Risonanza magnetica pelvica

Risonanza magnetica pelvica

Questo particolare campo di applicazione della risonanza magnetica permette uno studio accurato, per una nitida e chiara rappresentazione delle strutture anatomiche, dei difetti da traumatismi o di natura iatrogena dei muscoli sfinteriali anali.

Inoltre consente una precisa mappatura della sede di raccolte ascessuali perianali e di percorsi dei tramiti fistolosi di fistole anche complesse, estremamente utili nello studio preoperatorio.
Nella RM a scansione sagittale è possibile anche una registrazione dinamica delle diverse fasi della defecazione con uno studio dei disordini della evacuazione quali dissinergia puborettale, prolasso mucoso interno, intussuscezione retto anale, rettocele, isterocele, cistocele, elitrocele etc con una risoluzione d’immagine superiore a quella defecografica.

Articoli correlati: